9 Ottobre 2019
- Suore Apostoline, Papa Francesco, Senza categoria

Tre persone che vivono in modo ‘unico’ l’esperienza sinodale: un vescovo, un sacerdote gesuita e una suora paolina.

Dom José Ionilton Lisboa de Oliveira, bispo de Itacoatiara (AM), entrevistado pelo Vatican News, diz que o bom missionário “deve sujar as mãos” e espera que no Sínodo Pan-amazônico…

Mons. José Ionilton Lisboa de Oliveira sdv, fa parte della Congregazione dei Vocazionisti ed è vescovo di Itacoatiara (AM), nello stato di Amazzonia era stato intervistato dal portale Vatican News, ci racconta come dovrebbe essere il buon missionario “una persone che deve sporcarsi le mani” e ciò che si aspetta da questo Sinodo Panamazzonico…

https://www.vaticannews.va/pt/igreja/news/2018-09/jose-ionilton-itacoatiara-igreja-amazonia.html

Padre Renato Colizzi, padre gesuita e presidente del Magis Italia da poco rientrato da una esperienza nell’Amazzonia boliviana ci racconta il suo ‘stare’ e sopratutto ciò che ha imparato.

(…) Se volessi ripetere fedelmente come un’eco di una voce amica tutto ciò che ho sentito e tutto ciò che ho imparato, questa mi voce mi parlerebbe così:

«Queste sono le cose che puoi imparare da noi: puoi imparare la cura della terra perché noi, come vedi, non apriamo strade nel cuore della foresta ma chiediamo permesso per entrarvi e per cacciare. Puoi imparare quanto benevolente e generosa è la nostra madre terra per cui non serve estrarre a forza ricchezza e materia per lasciarla depredata, perché lei si offre generosamente da sempre, già prima che noi nascessimo e continuerà a farlo per i nostri figli. Essa ci fa ricchi prima ancora che diventiamo indigenti. Così noi proteggiamo la nostra terra e lei ci protegge e si prende cura di noi.

Puoi imparare il senso del lavoro e della festa. Ci vedrai chini al sole per tagliare e coltivare con pochi strumenti di legno e ferro nei giorni di lavoro, mentre nei giorni di festa ti accompagnerà il battito del tamburo e il passo dei danzatori al suono dei flauti. Vedrai la testa dei nostri ballerini adornata con raggi fatti di piume tropicali come corona gloriosa, per imitare il sorgere del sole della nostra libertà, la gioia di cantare il dono della nostra terra e della vita.

Puoi imparare che noi non abbiamo biblioteche dove leggiamo la storia del nostro paese ma i nostri anziani ci raccontano il viaggio che fecero per cercare una terra senza schiavitù e senza violenza, una terra del buen vivir, una terra cioè dove si può vivere senza il male. E come dopo mesi di cammino nella foresta guidati da Dio tramite sogni sognati dalle nostre guide, ci siamo fermati qui dove ci vedi vivere e danzare ora. E arrivando abbiamo piantato la croce missionale fra la cappella e il cabildo, come i nostri avi avevano imparato dai gesuiti delle reducciones. E se vorrai ascoltare le nostre melodie e le loro parole, ti accorgerai che di generazione in generazione, fuga dopo fuga le abbiamo portate con noi e ti sorprenderai nel riconoscere melodie barocche e testi sulla Trinità o sull’Immacolata. Io le ho imparate da mia nonna e ora, a orecchio, le suono su questo violino nella festa di Sant’Ignazio.

Noi non abbiamo libri che ci spiegano la storia dei dogmi ma sappiamo che i nostri avi hanno accolto dai gesuiti la buona notizia di Gesù, e nella settimana santa hai visto come alla luce delle candele le nostre comunità danzano e pregano il Dio della vita che ha resuscitato Gesù, e di nuovo lo contempliamo resuscitato nello spettacolo maestoso di questa Amazzonia vivente e trasbordante di vita

Puoi imparare che la nostra identità e la nostra terra sono per noi e per i nostri figli vocazione e compito per difenderla dall’avidità di chi già ha ma vuole sempre di più. Nelle nostre comunità non hai mai visto mancare o avanzare nulla perché noi tutto condividiamo, non abbiamo l’assillo dell’accumulo e dell’indigenza, non ci sono fra di noi affamati e famelici come nelle vostre città. Per questo, trent’anni fa, abbiamo marciato per un mese a piedi fino a La Paz, noi che mai avevamo visto la neve dell’altipiano. Lo abbiamo fatto per difendere il nostro territorio e la nostra dignità indigena, e così dovranno farlo anche i nostri figli.

Voi gesuiti ci avete da sempre aiutato e accompagnato in questo cammino e dovete ricordarvi anche voi della vocazione che Dio vi ha dato: aiutarci a difendere la nostra terra e la nostra gente».

cfr. https://news.gesuiti.it/cosa-ho-imparato-dallamazzonia/

Sr. Gervis Monteiro, è una Suora Figlia di San Paolo nativa della regione Amazzonica del Brasile, invitata a partecipare al Sinodo dell’Amazzonia come uditrice. Ci racconta la ‘sua’ giornata sinodale, a fianco di Papa Francesco.

7 Ottobre 2019

Hoje o meu dia foi ao lado do Papa Francisco. Uma experiência sem explicação e com muita emoção. Não se pode medir a alegria de estar ao lado deste homem que através do seu sorriso e acolhida nos aponta para Jesus. Obrigada as minhas irmãs Paulinas e a toda a vida religiosa consagrada do mundo inteiro. Rezem pelo Sínodo da Amazônia que está só começando.

Oggi la mia giornata è stata al lato di Papa Francesco. Una esperienza indescrivibile e molto emozionante. Non si può descrivere la gioia di stare al lato di questo uomo che attraverso il suo sorriso e la sua accoglienza ci indica Gesù. Grazie alle mie Suore Paoline e a tutta la vita religiosa del mondo. Pregate per il Sinodo dell’Amazzonia che sta iniziando.