26 Gennaio 2020
- Papa Francesco, Senza categoria

Papa Francesco nell’omelia della messa di oggi 26.01.2020, prima Domenica della Parola di Dio, ci conduce nel viaggio alle “sorgenti della Parola di vita” per comprendere l’importanza dell’ascolto.

“Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino”.

Questa è la base di tutti i suoi discorsi: dirci che il regno dei cieli è vicino. Che cosa significa? Per regno dei cieli si intende il regno di Dio, ovvero il suo modo di regnare, di porsi nei nostri confronti. Ora, Gesù ci dice che il regno dei cieli è vicino, che Dio è vicino. Ecco la novità, il primo messaggio: Dio non è lontano, Colui che abita i cieli è sceso in terra, si è fatto uomo. Ha tolto le barriere, ha azzerato le distanze. Non ce lo siamo meritato noi: Egli è disceso, ci è venuto incontro.

“E questa vicinanza si è fatta carne in Gesù”

Papa Francesco conclude la sua omelia dicendo: “In mezzo alle migliaia di parole di ogni giorno, quella sola Parola non ci parla di cose, ma di vita”.

Cominciamo dal Vangelo: teniamolo aperto sul comodino di casa, portiamolo in tasca con noi o nella borsa, visualizziamolo sul cellulare, lasciamo che ogni giorno ci ispiri. Scopriremo che Dio ci è vicino, che illumina le nostre tenebre, e che con amore conduce al largo la nostra vita.

Questo il link per rivedere la diretta:

https://www.vaticannews.va/it/papa/news/2020-01/papa-francesco.html